lunedì 19 ottobre 2015

A spasso tra…le pagine! #1 “Tre giorni a Parigi” parte I

11334331_1444246002557950_1281330642_n
Angoli del mondo, dettagli e curiosità. Rubrica ideata da me a cadenza casuale.
IMG_3906Nooo!!! Grrr è successo ancora!!! Vi è mai capitato di svegliarmi il primo giorno della settimana con la sveglia che perfora inesorabile i timpani, aprire leggermente gli occhi, richiuderli e strizzarli per poi riaprirli e rendervi conto che non siete dove vorreste essere? Si? Benvenuti nel club dei “viaggiatori sognatori”, mente e cuore, che spesso e volentieri, per quel che mi riguarda, hanno il sopravvento sulla noiosissima ragione. Ricominciamo, per prima cosa buon lunedì, ed ecco che vi presento una nuova rubrica, alla quale pensavo già da moltissimo tempo, che ne richiede tanto, è impegnativa devo dire, ma sicuramente è diversa dalle rubriche standard che si trovano nella blogosfera. “A spasso tra…le pagine!” darà una collocazione geografica, tradizioni, usi, costumi e curiosità, alle ambientazioni che troviamo nei nostri amati libri, che prendono vita anche grazie ai luoghi che fanno da sfondo alla trama. Sto ricercando e leggendo volutamente tanti libri ambientati o anche solo in cui si parla, di Parigi, uno dei miei sogni da sempre, tanto da appendere un enorme quadro sopra al lettone…non si sa mai che mentre dormo ci scappa un giretto, quindi sarà proprio “lei” la protagonista di questo primo post dedicato ai luoghi in cui “andiamo” leggendo.
“Ci sono solo due posti al mondo dove possiamo vivere felicemente: a casa e a Parigi”.
                                                                                                              (Ernest Hemingway)

Paris-pano-wladyslaw
PARIGI, PARIS, è la capitale e la città più popolosa della Francia, è anche il quinto comune più popoloso dell' Unione Europea ed è la seconda area metropolitana più grande: infatti la “Grande Parigi” conta una popolazione di circa 12 milioni di persone, è la città più visitata al mondo e secondo la rivista the Economist  è anche la più cara. Parigi è suddivisa in 20 unità, i cosiddetti arrondissement. Si tratta di distretti amministrativi autonomi, ciascuno dotato del proprio comune e del proprio sindaco.  E’ situata su di un meandro della Senna che la taglia in due, non si può quindi non far riferimento alle rive gauche e droite, due parti della città nettamente distinte, la riva destra a nord, è il centro economico, politico e finanziario di Parigi, quella sinistra a sud, è quello culturale e romantico.                                           Mettiamo il caso di avere a disposizione tre giorni per visitare questa città ricca di un milione di cose da vedere, come potrei organizzare il mio viaggio in modo da sfruttare al meglio il mio tempo? Ho googlato parecchio, tanto da farmi venire mal di testa, ma ce l’ho fatta, ho preparato un giretto niente male!
Da dove iniziare, se non da una bella passeggiata tra i quartieri caratteristici della capitale? Ecco cosa vedere il  primo giorno.
Paris-le-maraisIo partirei dal Marais, il quartiere situato sulla rive droite della Senna, è l’unico quartiere di Parigi in cui, durante una passeggiata, gli uomini possono ricevere qualche occhiolino in più delle donne, da parte di coloro che consumano cocktail al bancone di un locale gay-friendly.  Qui troviamo anche Places des Vosges, la più antica piazza di Parigi su cui si affaccia l’Hotel Arnaud (dove visse Victor Hugo), suggestivi vicoli pieni di negozietti, ristoranti e bei cafè dove è possibile pranzare o stuzzicare patatine con un aperitivo, oppure si può passeggiare lungo la caratteristica Rue de Rosiers, rivivere la storia di Parigi con una visita al Musée Carnavalet o ammirare i capolavori del cubismo al Museè Picasso.
Paris_Ile-de-la-Cite_Notre-Dame_von_OstenL’Ile de la Citè è l’isolotto collegato alle due rive della Senna da nove ponti, tra cui il celebre Pont Neuf. L’attrazione principale dell'Île de la Cité è senza dubbio la maestosa Notre Dame eretta nel cuore di Parigi, ( non è soltanto il celebre musical di Cocciante), sulla cui facciata svettano le due imponenti torri.
Nel nostro giro all'Île de la Cité ci imbatteremo anche nella Conciergerie, il più antico Palazzo Reale di Parigi e storica prigione nella Francia rivoluzionaria. Ingrandito e modernizzato negli anni, l’edificio è celebre per essere stato il luogo in cui sono stati imprigionati e successivamente giustiziati Danton, Robespierre e la Regina Maria Antonietta.
A questo punto ci vuole uno spuntino! Le tipiche crepes parigine, dolci o salate, sono perfette, e le possiamo trovare sull’Ile Saint Louis, la più piccola tra le due isole naturali situate al centro di Parigi, famosa per la presenza di numerosi e suggestivi edifici costruiti nel Settecento, dove oltre alle crepes, si può degustare prelibati sorbetti nella gelateria Berthillon.
quartiere-latinoIl famoso Quartiere Latino, si trova sulla riva sinistra della Senna nel 5° arrondissement di Parigi. Se vi aspettate un'atmosfera carioca al ritmo di samba siete sulla cattiva strada! In realtà questo quartiere di Parigi viene così chiamato perchè in passato, gli studenti universitari che lo frequentavano, si servivano del latino come lingua franca. Arrivarci a piedi dall'Île de la Cité è semplicissimo basterà camminare lungo Rue de la Cité e proseguire su Rue du Petit Pont. In 10 minuti circa saremo arrivati nei pressi della Sorbona, la celebre Università di Parigi eretta nel cuore del rione. La strada principale del Quartiere Latino è senza dubbio il grande viale alberato Boulevard Saint-Michel, frequentato da giovani turisti di tutto il mondo e ricco di negozi di abbigliamento, artigianato e importanti librerie. Il viale fiancheggia i Giardini e il Palazzo del Lussemburgo, attuale sede del Senato Francese.
L’altra grande arteria è la Boulevard Saint Germain, che costeggia Saint Germain des Pres, la più antica chiesa di Parigi.
Il quartiere pullula di locali di tutti i tipi e adatti a tutte le tasche. Per questo motivo si ha l’imbarazzo della scelta su dove fermarsi a cenare dato il gran numero di ristoranti che offrono i più svariati tipi di cucina.
CURIOSITA’: La Crociera con cena sulla Senna è un’esperienza romantica che non può mancare durante il soggiorno parigino, una crociera nel cuore di Parigi a bordo di una nave interamente vetrata, piatti raffinati, monumenti illuminati e musica francese dal vivo. La minicrociera  regala la più suggestiva prospettiva della città di Parigi, dal fiume, che nella storia è stato il fulcro e il simbolo della città nonchè il suo motore di sviluppo, si possono ammirare gli edifici storici più importanti costruiti sulle sue rive.
LETTURE: "Parigi è sempre una buona idea" "Tutta la luce che non vediamo" "Amedeo je t'aime".
Ditemi lettori, qual’è la vostra opinione su questa meravigliosa città? La sognate tanto quanto me da organizzare un viaggio che non sapete se e quando farete? Vi saluto e vi ricordo che il soggiorno parigino virtuale…TO BE CONTINUED!
                                                                                       firma francy

12 commenti:

  1. Ciao Cuore, carina questa rubrica!!!! Parigi, una città meravigliosa, impossibile non innamorarsi di lei nelle storie che leggiamo o semplicemente guardando qualche fotografia, io non ci sono ancora stata, ma chissà un giorno.... Buon lavoro, un bacio, Rosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa, grazie per essere passata....partiamo??? ;-)

      Elimina
    2. Magari, partirei anche subito!!!! Con le valigie piene di libri, scarpe da ginnastica e camminare tra le via di Parigi e parlare di libri, libri e ancora libri!!!!

      Elimina
    3. Parlare di libri bevendo cafè crème e croissant caldo :-p

      Elimina
  2. che meraviglia a spasso per Parigi con te mia cuore...... con la tua vecchia mamma, uno spasso vero e proprio!

    RispondiElimina
  3. Personalmente ho visitato Parigi solo con gli occhi di Hugo (una Parigi un po' datata ovviamente), ma prevedo di fare un salto al numero 7 di rue de Greneille, durante la mia prossima rilettura de "L'eleganza del riccio".
    Colgo l'occasione per ringraziarti ancora ancora e ancora per il pacco di libri (trovato sotto casa, proprio mentre stavo andando a prendere l'autobus!). Solo che sono rimasta un attimo spiazzata, mi aspettavo due libri, invece sono tre ... non vorrei fosse un errore e mi sembrava giusto dirtelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosa, quale meravigliosa opera hai nominato...l'eleganza del riccio...i libri che hai trovato sono giusti, quelli che hai vinto :-)

      Elimina
  4. Bellissima rubrica, in poche righe ho sentito il profumo di baguette e croissant, ho intravisto la Senna sullo sfondo e la Torre Eiffel con le sue mille luci...e adesso? Voglio un biglietto per Parigi!! T_____T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefy, scrivere per blogger/lettrici come te da tante soddisfazioni. Parigi I love you!!! Ancora due post dedicati a questa città, dove troverai la Tour Eiffel e altro ancora, poi non ci resta che comprare il biglietto!!!

      Elimina
  5. Ciao Cuore!! Io amo Parigi, tanto tanto. Ci sono stata 3 anni fa e ci tornarei adesso, all'istante. E sai che cosa mi ricordo? Panchine in angoli meravigliosi sulle quali mi sarei seduta volentieri a leggere "Vita di Pi" di Matel - che stavo leggendo durante quel viaggio.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvia anch'io sogno il giorno in cui mi sdraierò al Parc du Luxemburg a leggere! Dedicherò a questa città altri due post se ti va passa, io ti aspetto :-)

      Elimina