giovedì 26 novembre 2015

Acquisti libreschi #8 Pacchetti sotto l’albero…giocando d’anticipo!

11297717_1444223792560171_706228606_n

Una serata come tante, più rilassata di un normale giovedì, perché la vostra Cuore domani non lavora, approfittando del pomeriggio impegnato ai colloqui di fine primo quadrimestre di mio figlio Antonio, dedicherò la mattinata a me stessa, niente lavoro, ogni tanto ci sta, anche un’instancabile wonder woman come me sente il desiderio di fermarsi e…riflettere sugli ultimi acquisti libreschi, ovviamente condividerli con voi e cercare una sistemazione…ormai ho libri appoggiati dovunque…e con la scusa del Natale alle porte io mi scateno…meraviglia!!!

image

“Perché ci sono recensioni capaci di colpirti e di farti desiderare un libro”

6477079_979181La bambina e il sognatore di Dacia Maraini edito da Rizzoli

Sinossi: Ci sono sogni capaci di metterci a nudo. Sono schegge impazzite, che ci svelano una realtà a cui è impossibile sottrarsi. Lo capisce appena apre gli occhi, il maestro Nani Sapienza: la bambina che lo ha visitato nel sonno non gli è apparsa per caso. Camminava nella nebbia con un’andatura da papera, come la sua Martina. Poi si è girata a mostrargli il viso ed è svanita, un cappottino rosso inghiottito da un vortice di uccelli bianchi. Ma non era, ne è certo, sua figlia, portata via anni prima da una malattia crudele e oggi ferita ancora viva sulla sua pelle di padre. E quando quella mattina la radio annuncia la scomparsa della piccola Lucia, uscita di casa con un cappotto rosso e mai più rientrata, Nani si convince di aver visto in sogno proprio lei. Le coincidenze non esistono, e in un attimo si fanno prova, indizio. È così che Nani contagia l’intera cittadina di S., immobile provincia italiana, con la sua ossessione per Lucia. E per primi i suoi alunni, una quarta elementare mai sazia dei racconti meravigliosi del maestro: è con la seduzione delle storie, motore del suo insegnamento, che accende la fantasia dei ragazzi e li porta a ragionare come e meglio dei grandi. Perché Nani sa essere insieme maestro e padre, e la ricerca di Lucia diventa presto una ricerca di sé, che lo costringerà a ridisegnare i confini di un passato incapace di lasciarsi dimenticare. Con questo romanzo potente, illuminato per la prima volta da un’intensa voce maschile, Dacia Maraini ci guida al cuore di una paternità negata, scoprendo i chiaroscuri di un sentimento che non ha mai smesso di essere una terra selvaggia e inesplorata.

image

“Perché hai il desiderio di conoscere nuove penne”

download (1)Terapia di coppia per amanti di Diego De Silva edito da Einaudi

Sinossi: Terapia di coppia per amanti è un romanzo a due voci, maschile e femminile, che si alternano a raccontare la loro storia mentre la vivono, perché «ci sono fasi dell'amore in cui la realtà diventa un punto di vista, generalmente quello di chi lo impone». Due adulti sposati (non tra loro) che si ritrovano uniti da una passione incontrollabile e da un amore coriaceo, particolarmente resistente alle intemperie. Viviana è sexy, vitale e intrigante, e ha un notevole talento per i discorsi intorcinati. È combattuta fra restare amante e alleviare così le infelicità matrimoniali o sfasciarsi la vita per investire in un'altra. Modesto è meno chic, decisamente più sboccato e sbrigativo nella formulazione dei concetti, ma abilissimo nell'autoassoluzione. Spara battute a sproposito per svicolare, e fa pure ridere. Moderatamente vigliacco, aspirerebbe alla prosecuzione a tempo indeterminato della doppia vita piuttosto che a un secondo matrimonio, visto che già il suo non è che gli piaccia granché. È nella crucialità del dilemma che Viviana trascina Modesto dall'analista, cercando una possibilità di salvezza per il loro rapporto ormai esasperato da conflitti e lacerazioni continue. Il dottore è spiazzato nel trovarsi di fronte una coppia non ufficiale, libera da vincoli matrimoniali e familiari, che non ha nulla da perdere al di là del proprio amore. Accetterà l'incarico per questa ragione, trovandosi nel mezzo di una schermaglia drammatica e ridicola insieme, e rischiando di perdere la lucidità professionale. Tenero e cinico, divagante, vero, capace di usare la leggerezza come arma contundente, Terapia di coppia per amanti è un'immersione nelle complicazioni dei sentimenti, nei conflitti che apriamo continuamente per la paura (che tutti conosciamo per averla provata almeno una volta) di affidarci all'amore e dargli mandato a cambiarci la vita.

accabadoraAccabadora di Michela Murgia edito da Einaudi

Sinossi:

Perché Maria sia finita a vivere in casa di Bonaria Urrai, è un mistero che a Soreni si fa fatica a comprendere. La vecchia e la bambina camminano per le strade del paese seguite da uno strascico di commenti malevoli, eppure è così semplice: Tzia Bonaria ha preso Maria con sé, la farà crescere e ne farà la sua erede, chiedendole in cambio la presenza e la cura per quando sarà lei ad averne bisogno. Quarta figlia femmina di madre vedova, Maria è abituata a pensarsi, lei per prima, come "l'ultima". Per questo non finiscono di sorprenderla il rispetto e le attenzioni della vecchia sarta del paese, che le ha offerto una casa e un futuro, ma soprattutto la lascia vivere e non sembra desiderare niente al posto suo. "Tutt'a un tratto era come se fosse stato sempre così, anima e fili'e anima, un modo meno colpevole di essere madre e figlia". Eppure c'è qualcosa in questa vecchia vestita di nero e nei suoi silenzi lunghi, c'è un'aura misteriosa che l'accompagna, insieme a quell'ombra di spavento che accende negli occhi di chi la incontra. Ci sono uscite notturne che Maria intercetta ma non capisce, e una sapienza quasi millenaria riguardo alle cose della vita e della morte. Quello che tutti sanno e che Maria non immagina, è che Tzia Bonaria Urrai cuce gli abiti e conforta gli animi, conosce i sortilegi e le fatture, ma quando è necessario è pronta a entrare nelle case per portare una morte pietosa. Il suo è il gesto amorevole e finale dell'accabadora, l'ultima madre.

image

“Perchè se Massimo consiglia un libro non sbaglia mai”

arton142661Le conseguenze dell’odio di Eliizabeth George edito da Longanesi

Sinossi: Non c'è pace per l'ispettore di New Scotland Yard Thomas Lynley. che, reduce dalla difficile indagine condotta in Italia, si trova a scavare tra i segreti, i risentimenti e i rimorsi di una famiglia segnata da un lutto terribile: un suicidio che, ogni giorno di più, rivela risvolti agghiaccianti. costringendo Lynley ad affrontare i suoi stessi, dolorosissimi fantasmi, in quello che si annuncia come il caso più complesso della sua carriera. La vita non sorride nemmeno al suo storico braccio destro, Barbara Havers, che attraversa una profonda crisi personale e profossionale. Sperando di aiutarla a ritrovare la sicurezza e lo smalto di un tempo, Lynley accetta di affidarle un caso che Barbara stessa si è trovata tra le mani: la morte in circostanze sospette di una scrittrice nota per le sue posizioni a favore del femminismo. Per risolvere l'enigma, Barbara parte per il Dorset, dove, dietro una facciata incantevole di villaggi pittoreschi, distese di colline erbose e scogliere bianche a picco sul mare, scopre un mondo di tradimenti, incontri clandestini e amori trasformati in gabbie da cui è impossibile fuggire ...

image

“Perché ci sono delle storie che ti entrano dentro e delle quali non puoi fare a meno”

D'Urbano_AlfredoAlfredo di Valentina D’Urbano edito da Tea

Sinossi:  «In piedi sulle scale c'era una bambina. Avrà avuto la mia età, un caschetto di capelli neri e un po' ispidi. Piangeva a bocca aperta, disperata, le mancavano tutti e due i denti davanti, proprio come a me. La guardai cercando di capire perché piangesse, forse avevano menato anche lei, ma non sembrava messa male... Quella era Beatrice.»
Alla Fortezza – il quartiere senza identità, con l'asfalto riarso dal sole e spaccato dal gelo, e i palazzi dall'intonaco ruvido e sbrecciato – tutti li chiamano «i gemelli». Perché da sempre Beatrice e Alfredo sono inseparabili, come fratelli appunto. O forse qualcosa di più? La loro storia, struggente e tragica, diventerà quasi una leggenda nel quartiere. Ma a narrarla finora è stata soltanto Bea, la metà più forte dei «gemelli», la ragazza cui bastava sentire l'odore di Alfredo sulla maglietta verde che lei stessa gli aveva regalato per sapere che lui ci sarebbe sempre stato. La giovane donna che ha lottato fino alla fine per sentire il rumore, inconfondibile, dei suoi passi. Questa invece è la storia della metà più debole dei «gemelli» e a raccontare l'arrivo alla Fortezza è Alfredo, in prima persona, con la sua voce, le sue fragilità, i suoi piccoli e grandi sogni così difficili da realizzare e così facili da infrangere. Fino all'incontro che gli cambierà la vita: quello con Beatrice.

image

“Perchè ci sono quegli autori che raccontano la vita, così com’è”

download (2)E’ tutta vita di Fabio Volo edito da Mondadori

Sinossi: Stavano così bene insieme, cosa è successo alla loro vita? Cosa è successo ai due chiusi in una camera d'albergo con il cartello "non disturbare" sulla porta? Dove sono finite la passione, la complicità? Il romanzo è un'immersione nella vita quotidiana di una coppia, nell'evoluzione di un amore. Racconta la crisi che si scatena alla nascita di un figlio e, ancora di più, racconta di quando qualcosa rompe l'incantesimo tra due innamorati. E suggerisce, lascia intravedere una risposta, una via d'uscita. E come se i protagonisti dei suoi romanzi più amati, "Il giorno in più" o "Il tempo che vorrei", si ritrovassero ad affrontare quello che viene dopo l'innamoramento, la responsabilità e la complessità dello stare insieme per davvero. Volo sorprende per la capacità di fotografare e dare un nome ai sentimenti, perfino quelli meno nobili e non per questo meno comuni. Si tratta di un romanzo diretto, sincero, spudorato. Leggendolo capita di ridere e commuoversi, come quando qualcosa ci riguarda da vicino.

Che ne dite delle mie new entry? E voi che titoli vorreste trovare sotto l’albero? Alla sottoscritta nessuno o quasi regala libri…forse ne ho troppi e tutti hanno paura di sbagliare scelta (non sanpranno che esistono i buoni?!?!)…Che siano avvolti in carta da regalo o nella calza della Befana, vi auguro di riceverne tanti! A presto e buona notte.

firma francy

31 commenti:

  1. Non ne riceverò manco uno per natale, e ne ho pochissimi T_T
    O almeno ne vorrei di più.
    Comunque fra tutti questi, il libro che mi attira di più è Le conseguenze dell'odio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Romeo per noi lettori sono sempre pochi i libri...questo è il mio unico vizio e compro pochissime scarpe ;-)

      Elimina
  2. Ma che bei regalini!! *-* a Natale mi è capitato di ricevere dei libri e per noi non c'è niente di più bello! Tra i tuoi acquisti mi incuriosisce quello consigliato da Massimo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Olga di carta sarà il prossimo regalo che mi faccio :-)

      Elimina
  3. Mi incuriosiscono "Le conseguenze dell'odio" e "Alfredo".
    Io proprio questa settimana ho preso "Olga di carta" e non vedo l'ora di iniziarlo!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Saretta Olga di carta sarà tea i miei prossimi acquisti! Aspetto con ansia il tuo parere :-)

      Elimina
  4. Che bei libri!!!! Tra i tuoi acquisti leggerei La bambina e il sognatore di Dacia Maraini e Le conseguenze dell' odio, mi incuriosiscono...ovviamente aspetto sempre le tue recensioni, è sempre un piacere leggerle!

    RispondiElimina
  5. Che bei libri!!!! Tra i tuoi acquisti leggerei La bambina e il sognatore di Dacia Maraini e Le conseguenze dell' odio, mi incuriosiscono...ovviamente aspetto sempre le tue recensioni, è sempre un piacere leggerle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosa, vorrei leggerli e recensirli tutti insieme...tempo tiranno!

      Elimina
  6. la bambina e il sognatore, l'ho adocchiato da un pò...hai già letto recensioni positive?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nunzia, Aquila reale ha scritto una bellissima recensione :-)

      Elimina
  7. Anche io vorrei tanto leggere Alfredo... Ho letto Il rumore dei tuoi passi qualche mese fa e mi è piaciuto moltissimo... ma non so se sono pronta psicologicamente per affrontare il punto di vista di Alfredo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh anch'io l'ho adorato....hai letto Acquanera della D'Urbano? Stupendo a dir poco. Comunque anch'io ho aspettato perché Il rumore dei tuoi mi aveva svuotata completamente...ma adesso non vedo l'ora di tornare alla Fortezza!

      Elimina
    2. Non l'ho ancora letto ma l'ho comprato qualche settimana fa :)

      Elimina
  8. Della Maraini quest'anno ho avuto il piacere di leggere qualcosa :) Quest'ultima sua fatica sembra molto bella :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di leggerlo al più presto Gresi :-)

      Elimina
  9. Per un libromane i libri nuovi non bastano mai e anche io mi giustifico dicendo che non spendo in altre cose come scarpe e borse, ma il portafogli piange lo stesso!

    RispondiElimina
  10. Vorrei finalmente quest' anno ricevere dei libri, che mai dico mai mi regalano, se non quelli musicali che mi servono per lavorare( bene pure quelli)
    Avvincenti le tue proposte mia cara, ho letto il libro di Volo, e l'ho trovato molto 'piacevole come i precedenti..sanno di pane appena sfornato!!
    Mi sono iscritta con tanto piacere , sperando in un tuo gradito ricambio.
    Buona serata e grazie. Un bacio!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella! Che bello averti qui passo da te e mi iscrivo, Volo è una certezza e presto lo leggerò, con la speranza di una parentesi rilassante, divertente che sa di quotidianità.

      Elimina
    2. Sono così felice che tu sia entrata nel mio blog, veramente un grazie di cuore...prezioso regalo per me!
      Bacio ...

      Elimina
    3. Ho dato solo un'occhiata veloce, ma è fichissimo! Domani ripasso con più calma e ti aggiungo ai blog che seguo così non mi perdo neanche un post!

      Elimina
    4. Ho dato solo un'occhiata veloce, ma è fichissimo! Domani ripasso con più calma e ti aggiungo ai blog che seguo così non mi perdo neanche un post!

      Elimina
  11. che bel bottino!! *_____*
    io non ricevo spessissimo libri in regalo, ma non c'è problema, me li auto-dono, che è meglio ^_^

    tutti interessanti, tra questi ho letto solo Accabadora, che mi è piaciuto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio come me Angela! Accabadora voglio leggerlo molto presto :-)

      Elimina
    2. ti ho taggata per un'inizativa librosa a tema natalizio - non so se lo hanno già fatto altri ;)

      http://imieimagicimondi.blogspot.it/2015/11/link-christmas-party.html ^_-

      Elimina
    3. Grazie Angela, oggi sono molto presa, ma domani do un'occhiata!

      Elimina
  12. Ah, che belli. In particolare, mi attira De Silva: ha un titolo molto bello, tra l'altro.
    Io mancavo a casa da un po' e, di ritorno dall'università, ho trovato belle sorprese.
    Anna (finalmente!), Chaos - Il nemico, On Writing e Quel fantastico peggiore anno della mia vita. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessanti entrate anche le tue, Anna in particolare, aspetto con ansia la tua recensione, diciamo che dopo aver letto la sinossi mi sono sentita in parte incuriosita e in parte titubante, il tuo pensiero mi chiarirà sicuramente le idee ;-)

      Elimina
  13. Bellissime new entry, Cuore!! Di queste ho letto solo Accabadora, e mi era piaciuto molto, il mio preferito di quest'autrice mia conterranea; a breve prenderò anche Chirù , il suo ultimo romanzo!
    Mi incuriosiscono molto anche i romanzi della D'Urbano e di De Silva, mentre Fabio Volo lo guardo con sospetto, i suoi romanzi mi sembrano sempre troppo simili tra loro per trama e personaggi, ma forse essendo passati un po' di anni potrebbe essere maturato...Mi farai sapere! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio stamattina ho acquistato Chirù e ho appena iniziato Accabadora, lo stile mi piace e la trama mi intriga già :-)

      Elimina