domenica 17 gennaio 2016

Non solo librerie...around the world #2 "Diario di bordo di una lettrice zingara"

                                 
Buon pomeriggio lettori, che fate di bello? Io sono più o meno uno straccio, reduce da una bella serata con gli amici...ore piccole, piccolissime...ma quanto ne vale la pena!
Vi domanderete come mai invece di stressarvi con i miei sproloqui non vado nel lettone a dormire, e me lo chiedo anch'io, visto che stasera tenterò per la seconda volta di accaparrarmi un posto al cinema per vedere cosa ha saputo fare il grande Di Caprio  vestendo le parti del redivivo nel suo ultimo film "Revenant". 
Sì, perchè ieri sera, dopo una coda interminabile ci hanno spediti a casa: "Grazie, ma è tutto esaurito, siete pregati di rompere le righe e ritentare domani". 
Grrrrr che nervi! Oggi non ce n'è, lo vedrò il film, questo è certo, a costo di presentarmi un'ora prima all'ingresso.
Quindi, scrivo questo post perchè ci tengo a condividerlo con voi, e poi un pisolino non me lo leva nessuno, almeno non rischio di ronfare in sala.
Oltre ad essere una lettrice accumulatrice compulsiva di libri, nonché blogger e tutto il resto, sono una camperista e non aspetto altro che  ferie, festività e ogni tipo di altra occasione per mettere in moto la mia casa a quattro ruote e partire, per rompere la noia della routine e rilassare l'animo stressato.
Il Natale è sempre una buona occasione e quello del 2015 verrà ricordato come il tour veneto. Pieni di
entusiasmo siamo partiti il primo di gennaio, adoro le ore di viaggio perchè mentre mio marito guida, canta e discute di calcio con nostro figlio Antonio, indovinate io che faccio? Esatto, io leggo e in questa breve vacanza ho avuto un degno compagno di viaggio, che mi ha strappato il cuore in questi giorni sereni con la mia famiglia.





Prima tappaPadova 
Mi ha davvero colpita questa città, pulita, ordinata, estesa, luminosa e pienissima di vita.
Lo sapevate che Padova è nominata “la città dei tre senza”?
A quanto pare, infatti, la città veneta è famosa per i suoi “senza”, ovvero tre caratteristiche che mancano di un qualcosa.
1-Il Santo senza nome
Il santo di Padova è Sant’Antonio ma forse non tutti sanno che è “il Santo” per antonomasia e quindi quando viene nominato è senza nome! Basti pensare che perfino la Basilica a lui dedicata, in Piazza del Santo 11 a Padova, è chiamata solamente Basilica del Santo.
                                               
2-Il caffè senza porte
In Via 8 Febbraio 1848 a Padova si trova il Caffè Pedrocchi, un caffè storico della città che fino al 1916 rimaneva aperto giorno e notte, da qui “senza porte”.
                                               
                                                
3-Il prato senza erba
Una delle piazze più belle (si dice sia una delle più grandi d’Europa) è quella di Prato della Valle. Fino alla fine del 1700 questa piazza era nient’altro che una superficie paludosa, da qui il nome “prato senza erba”, meravigliosamente lucente per Natale.
                   
Abbiamo girato come matti, le vie del centro, i mercatini di Natale, più di cento bancarelle, tanti, tantissimi negozi per tutti i gusti, e le librerie...un'immensa Mondadori dalla quale mi sono tenuta a debita distanza, troppo confusionaria e disordinata, ma con mia grande sorpresa ho scoperto una miriade di librerie indipendenti, che ho osservato solo da fuori, perchè era quella di Bassano del Grappa che puntavo.
Abbiamo scovato La Casa della Birra, una catena di piccoli negozi dove si possono trovare birre artigianali importate da tutto il mondo e dove si possono acquistare tutte le versioni della Antoniana, la birra che producono a Padova...noi intenditori abbiamo fatto scorta.

Seconda tappa: Bassano del Grappa



Con una piazza così l'impatto è positivo, in una fredda ma bellissima
giornata di sole, dopo un pranzetto con i fiocchi in un ristorantino del centro, abbiamo goduto di questa accogliente cittadina che offre scorci caratteristici e dove aleggiava nell'aria una bella atmosfera natalizia.
Il ponte degli Alpini è molto particolare e lo si può vivere da diverse prospettive: dall'alto, lateralmente e lo si può attraversare nonostante il lavori di sistemazione.
                                                 

“Là ci darem la mano...ed un bacin d'amor”, recita la celeberrima canzone, ma questo è anche il nome dell'evento pubblico che l'Ufficio di Informazioni e Accoglienza Turistica di Bassano del Grappa si è inventato per la serata del 14 febbraio, festa di San Valentino, un invito a tutte le coppie di innamorati a darsi appuntamento sul Ponte di Bassano.

Libreria Palazzo Roberti

                                           



Questa libreria che mi ha letteralmente lasciata a bocca aperta, è situata nel centro storico di Bassano, ricavata in un palazzo nobiliare settecentesco di proprietà della famiglia Manfrotto, e sono le tre sorelle che la gestiscono.
Si dice che sia una delle più belle librerie indipendenti d'Italia è io ho potuto constatare che è davvero così.
Elegante, ordinata e colma di libri di ogni genere, le pareti sono ricoperte da grandi scaffali carichi di volumi, tutti in perfetto ordine alfabetico e al centro di ogni stanza ripiani in legno dove sono esposte le novità.


Su entrambi i lati, raffinate scalinate conducono ai piani superiori e le sale sono comunicanti grazie ad una passerella, dalla quale si può ammirare l'ampio ingresso della libreria.

Inutile dire che l'atmosfera era magica, unica pecca la ressa, ma nonostante tutto sono riuscita comunque a scovare dei libri che desideravo mentre mi aggiravo con sguardo sognante per la libreria.
Incontri con l’autore, conferenze, concerti di musica classica e esposizioni di fotografia, in un salone le cui pareti sono decorate da splendidi affreschi, rendono completo questo luogo fatto a misura di lettore.


Terza tappa: Peschiera del Garda
Siamo approdati a Peschiera nel tardo pomeriggio dell'ultimo giorno della nostra mini vacanza, diciamo che è stata più che altro una tappa intermedia per accorciare la strada verso casa, ma si sa, il Garda è magico e questo piccolo paese sul lago è stato una piacevole scoperta, e quando non te lo aspetti c'è ancora più gusto.
                                 
Passeggiando per il centro mi sono meravigliata di non trovare nemmeno una vetrina librosa.
Ero certa che c'era, nel web l'avevo scovata, ma con mia grande delusione, un passante mi ha informata che la libreria Voglia di leggere è stata chiusa da tempo ormai e che l'unico modo per acquistare libri a Peschiera è andare nei supermercati...che peccato, il centro è un vero gioiellino e una libreria lo renderebbe ancora più prezioso e completo. Cosa potevo fare? L'orario era giusto per un bell'aperitivo, e siccome mi trovavo nella patria dello Spritz ne ho approfittato!

E poi arriva il momento di ripartire e anche se è sempre bello tornare a casa, il vero camperista non è mai sazio della vita di strada, delle scoperte, degli incontri, dei tanti momenti condivisi in quel piccolo abitacolo che devi essere davvero affiatato per viverci serenamente. Ciò che gli resta sono i ricordi, momenti indelebili nella memoria, momenti che fanno tanto famiglia, ed è con immensa gioia che oggi ho condiviso con voi la nostra esperienza, vi abbraccio con affetto.
                                                                                                




                                        
















22 commenti:

  1. Cuore! Che bello questo articolo che riassume le tue vacanze "on the road" in cui ci sveli una serie di curiosità come quella di Padova, città dei tre senza, che non conoscevo assolutamente! Devo dire che però sono stata conquistata dalla Libreria Palazzo Roberti, un luogo sicuramente da visitare in quanto accanita lettrice ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, quella libreria è imperdibile, io ci torno sicuramente.

      Elimina
  2. Grazie a questa rubrica viaggiamo insieme a te senza muoverci da casa, un po' come si fa con un libro tra le mani! Che dire...posti bellissimi, la libreria poi: una meraviglia! *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà prima o poi la mia casa a quattro ruote mi porterà in quel di Vibo ;-)

      Elimina
  3. Grazie per aver condiviso con noi il tuo viaggio, posti che io non ho ancora visitato, peccato per la libreria chiusa a Peschiera del Garda :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver apprezzato...hai ragione le librerie chiuse sono cicatrici nel cuore di paesi e città.

      Elimina
  4. Ma che bello!! Ho sempre desiderato avere un colorato furgoncino Wolkswagen e partire senza mete precise ma fermandomi dove più mi va!! *_*
    A quanto ho sentito è un'esperienza speciale e bellissima ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sogno mio e di mio marito,quando nostro figlio sarà troppo grande per venire via con noi è proprio quello! Furgone camperizzato e scooter...e via alla scoperta del mondo!

      Elimina
  5. Cara amica che bello viaggiare con te! Un post molto originale, così conosciamo le librerie di tutta Italia! Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosa, non vedo l'ora di raggiungerti con il mio camper...mi porti in libreria vero? E a camminare? E al mareee!

      Elimina
    2. Siiiii ti portò nella mia libreria, una foto ricordo e poi tanto mareeee!!! Ti aspetto!

      Elimina
    3. Siiiii ti portò nella mia libreria, una foto ricordo e poi tanto mareeee!!! Ti aspetto!

      Elimina
  6. Cara amica che bello viaggiare con te! Un post molto originale, così conosciamo le librerie di tutta Italia! Un bacio!

    RispondiElimina
  7. Bellissima la tua vacanza, mi piacerebbe un sacco girare per l'Italia con il camper e che bei posti che hai visitato.. :) Complimenti e grazie per averci resi partecipi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Chocolate di aver partecipato con il tuo atteso commento :-)

      Elimina
  8. Bellissimo itinerario! Sento che devo tornare a Padova, la conosco poco e sembra promettere molto. A Bassano vado tutti gli anni e quella libreria è un sogno.
    Sul lago di Garda non ho mai trovato librerie particolari, sarebbe bello scovarne una a...Limone? Chissà.
    un saluto da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Padova mi è rimasta nel cuore e alla Libreria Roberti devo assolutamente tornarci...potrebbe capitare un incontro a sorpresa tra noi!

      Elimina
  9. Che bello il tuo tour veneto! Grazie per averlo condiviso con noi,la libreria Palazzo Roberti è un gioiello che non conoscevo, un luogo dove ogni lettore vorrebbe perdersi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condividere è il principale motivo per cui ho aperto un blog e i vostri commenti sono linfa vitale, come credo sia per ogni blogger. Palazzo Roberti...una favola Aquila...me la sogno anche di notte!

      Elimina
  10. ma che bel viaggetto ci hai fatto fare!!! foto bellissime e luoghi da visitare!!
    la libreria... *_______*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh grazie! Non vedo l'ora di ripartire e scovare un'altra chicca tra le librerie!

      Elimina