venerdì 11 marzo 2016

Le mie recensioni #43 "La donna dal taccuino rosso" di Antoine Laurain / Einaudi



Titolo: La donna dal taccuino rosso /Autore: Antoine Laurain 
Editore: Einaudi /Pagine: 164 / Prezzo:12€

"La borsa di una donna pesa come se ci fosse la sua vita dentro
Tra un libro che non vuole mai finire ed altri trucchi per fermare il tempo
C’è la sua foto di un anno fa che ha messo via perché non si piaceva
Ma a riguardarla adesso si accorge che era bella ma non lo capiva
La borsa di una donna riconosce le sue mani e solo lei può entrare
Nascosto in una tasca c’è quel viaggio che è una vita che vorrebbe fare
Milioni di scontrini, l’inutile anestetico del suo dolore
E stupidi sensi di colpa per quel desiderio di piacere..."

"Senza musica la vita sarebbe un errore" diceva Friedrich Nietzsche ed è inutile negare l'evidenza, una canzone è come la bocca della verità, alla quale non ci si può sottrarre. 
Noemi al Festival di Sanremo cantava della borsa di una donna che ne conteneva la vita, una miriade di oggetti che si amalgamano ai ricordi, al passato, al presente. 
Una canzone meravigliosa che mi ha convinta a ad immergermi tra le pagine di questo libro e a frugare curiosa nella borsa di Laure.
Lo so, non si fa, io stessa odio chiunque osi anche solo sfiorare la mia borsa con il pensiero, ma è stato più forte di me; in quella borsa color malva ho ritrovato i medesimi oggetti che cerco frugando nella mia di pelle nera e medesima la sensazione di essere stata derubata, colpo da maestro dell'autore.
Togli ad una donna la sua borsa, e sarà come privarla di una parte di sè, di un pezzo di vita, di cuore.
Sono le due del mattino, Laure rincasa dopo una piacevole cena tra amici...o almeno ci prova...apre la lampo della borsa, cerca il mazzo di chiavi, ma lo sconosciuto la batte sul tempo, la afferra alla gola, le strattona facendole sbattere la testa contro il metallo del portone, le strappa la borsa di mano e fugge via.
E' troppo tardi per chiedere aiuto ai vicini, Laure è stordita dal colpo alla testa e scioccata per l'aggressione, ma un briciolo di lucidità la spinge a rifugiarsi nell'hotel di fronte al palazzo in cui abita e dove sulla fiducia le assegnano una stanza. Laure è sfinita, si sdraia in un letto che non sarà più lo stesso al suo risveglio...
Laurent, si appresta ad iniziare un nuovo giorno, vorrebbe radersi ma il suo Gillette greco l'ha abbandonato e non c'è acqua per il caffè, quindi che si fa? Colazione fuori e di corsa in libreria.
Sì certo avete capito bene, ho detto libreria, perchè Laurent è l'affascinante libraio francese che in una mattina come tante, dove tutto sembra essere uguale a ieri,  trova un oggetto insolito e fa prendere alla vita una piega inaspettata. Quale oggetto? Io non ve lo dirò di certo, sorpresa!
Inutile dire che con il ritrovamento dell'oggetto misterioso, la storia decolla, una storia angosciante nelle primissime battute, ma che subito si trasforma in una favola moderna, contornata da situazioni improbabili e qualche piccola bugia detta a fin di bene, con uno scopo preciso da raggiungere: l'incontro di due anime gemelle.
Adoro Parigi e le librerie quando fanno da sfondo a storie così particolari ed è con il sorriso sulle labbra che ho assecondato l'autore e mi sono lasciata guidare nella vita di un uomo che era un consulente finanziario con l'unica certezza di voler passare l'intera esistenza a leggere, che organizza incontri con l'autore nella sua libreria, che ha una figlia decisamente originale ed essenziale, e in quella di un'ammaliante doratrice capace di attendere sotto la pioggia in un parco il suo schivo autore preferito per farsi autografare una copia, che tiene in borsa un profumo fuori moda che la rende unica, e un taccuino rosso in cui annota ciò che le piace e ciò che le fa paura.
L'autore è raffinato nell'esprimersi e delicato nella scelta delle situazioni, cattura l'attenzione del lettore non solo focalizzandosi sulla scena principale, ma divaga colorando la narrazione con l'aggiunta di elementi che la rendono ancor più piacevole.
Una bella lettura, particolare, che fa sognare ad occhi aperti, che fa sorridere, romantica e consigliata a chi apprezza le favole a lieto fine.

Come sempre aspetto di sapere il vostro pensiero, vi abbraccio e vi auguro buone letture.

28 commenti:

  1. Cuore, io voglio leggere questo libro da troppo tempo, ma poi passa sempre in secondo piano. E' una di quelle storie che ogni tanto ci vogliono, leggere, sentimentali ma non melense, si, mi sa che confermo la voglia di comprarlo! Ma quella prima parte un pò noiosetta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nunzia, la prima parte è così breve che passa subitissimo. Presto torna la rubrica Vecchio amico e voglio mettere in palio dei cartacei, e questo sarà uno di quelli, chissà magari lo vinci! E' molto carino, delicato e non melenso, vale la pena di leggerlo.

      Elimina
  2. Ma guarda cosa trovo appena apro il link!
    La canzone di Noemi calza proprio a pennello a questo libro (sono contentissima che tu l'abbia menzionata), di cui ho letto diverse recensioni, ma la tua, così precisa, essenziale ha qualcosa di più.
    "La donna dal taccuino rosso" per me è una piccola tentazione, come un cioccolatino poco prima dell'ora di pranzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo metterò presto in palio Rosa! Stay tuned ;-)

      Elimina
  3. Mmm romanzo intrigante ora lo aggiungo subito!!;)

    RispondiElimina
  4. Brava e se segui il blog magari lo vinci!

    RispondiElimina
  5. lo leggerò sicuramente!! poi è anche breve, direi che merita assolutamente una possibilità! :D baci a te!

    RispondiElimina
  6. Avevo visto questo libro già da parecchio, la voglia di prenderlo c'era, ma non era fortissima...beh adesso ne sono convinta ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà tempo speso bene vedrai e come non innamorarsi di Laurent?

      Elimina
  7. Questo romanzo mi era proprio sfuggito quindi me lo segno per il futuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È davvero carino e particolare, ne vale la pena :-)

      Elimina
  8. Uh,ho preso questo libro in ebook in offerta, colpita più che altro dalla copertina, ma poi non l'ho letto! Urge rimediare al più presto!! E per la storia della borsa sono assolutamente d'accordo con te e con Noemi, mi sa che cerco su youtube la sua canzone, non l'ho mai sentita!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La voce di Noemi per dire una grande verità e quella di Antoine per raccontare una favola moderna. Curiosa di sapere che ne pensi quando lo leggerai

      Elimina
    2. La voce di Noemi per dire una grande verità e quella di Antoine per raccontare una favola moderna. Curiosa di sapere che ne pensi quando lo leggerai

      Elimina
  9. Lo metto anch'io in wish list :)
    Spero Ragione e sentimento ti stia piacendo, Cuore :) E' una lettura davvero molto bella, ma, a mio avviso, Orgoglio e pregiudizio, ancor di più ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho finito Gresi e si mi è piaciuto!

      Elimina
  10. Cuore, ho questo romanzo appuntato nella mia agendina/WL che porto sempre in borsa con me, tanto per rimanere in tema con la recensione, ma ad oggi non l'ho ancora acquistato, non ho ancora trovato la giusta spinta che mi portasse a dire "è ora di leggerlo!" Dopo aver letto la tua recensione e soprattutto il non detto, il celato, mi sono incuriosita molto per cui presto sarà il suo momento :) Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta una parola, un accenno, una canzone per smuovere la curiosità. Sono certa che questo piccolo grande libretto saprà conquistarti. Buona domenica

      Elimina
  11. Già dal taccuino rosso mi aveva conquistato.
    Ne possiedo uno anche io. Noi donne siamo capaci di portare tutto il nostro mondo in una borsa. Piccola o grande che sia.
    Del resto abbiamo avuto una grande maestra: Mary Poppins.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Supercalifragilistichespiralitoso anche se a sentirlo può sembrare un po' curioso se lo dici forte avrà un successo strepitoso Supercalifragilistichespiralitoso!!!!! La mia la chiamano proprio così, la borsa di MP :-)

      Elimina
  12. Cuore amica mia, come va? Questa domenica non ci siamo sentite, la nostra chiacchierata librosa mi è mancata!!! Ho appena finito di leggere Il bambino magico, molto bello... poi te ne parlerò! La donna dal taccuino rosso mi piacerebbe leggerlo più che altro per l'ambientazione, le storie che hanno come sfondo Parigi hanno sempre un fascino particolare, magari quando ho voglia di una lettura senza molte pretese mi ci butto. Buona notte!!!

    RispondiElimina
  13. Cuore amica mia, come va? Questa domenica non ci siamo sentite, la nostra chiacchierata librosa mi è mancata!!! Ho appena finito di leggere Il bambino magico, molto bello... poi te ne parlerò! La donna dal taccuino rosso mi piacerebbe leggerlo più che altro per l'ambientazione, le storie che hanno come sfondo Parigi hanno sempre un fascino particolare, magari quando ho voglia di una lettura senza molte pretese mi ci butto. Buona notte!!!

    RispondiElimina
  14. E' da un po' che voglio leggerlo. Mi è molto piaciuta la recensione: le nostre borse nascondono un universo e ogni oggetto può raccontare qualcosa di noi.
    un saluto da Lea

    RispondiElimina
  15. un romanzo che mi piacerebbe leggere! bellissima la citazione della canzone di masini!!*_*

    RispondiElimina
  16. Ora voglio conoscere "l'oggetto misterioso"! Bellissima recensione, prendo nota :)

    RispondiElimina
  17. Un romanzo delicato e romantico che mi aveva conquistato... mi ricordo che leggendolo mi sembrava di essere davvero a Parigi!

    RispondiElimina