martedì 12 aprile 2016

Recensione #48 "La casa di tutte le guerre" di Simonetta Tassinari / Corbaccio

Titolo: La casa di tutte le guerre
Autore: Simonetta Tassinari
Editore: Corbaccio
Anno di pubblicazione: 2015
Pagine: 252
Prezzo: 14.90
SinossiQuando le estati erano lunghe e le vacanze duravano tre mesi, Silvia le trascorreva a Rocca, in Romagna, insieme alla nonna inglese, che benché avesse sposato un notabile del luogo e vivesse da mezzo secolo nella villa più bella e più antica del borgo, era ancora "la signora" per tutti gli abitanti, altera e un po' temuta fuorché dalla nipote che amava teneramente ricambiata. Giornate belle e tutte uguali, scandite dai giochi con i ragazzini del paese, le chiacchiere con la nonna e la governante, l'attesa dei genitori nel weekend, le letture nell'immensa soffitta piena di segreti... Ma l'estate del '67 è destinata a rimanere per sempre impressa nella memoria: Silvia, quasi undicenne, fa amicizia con Lisa, la figlia del balordo del paese, selvatica e ribelle e insieme faranno un scoperta sconvolgente che cambierà per sempre la loro vita e il loro sguardo sul mondo di adulti che le circonda.

Lettori, in questo gioco è tutta questione di affetto e rapidità, perché chi segue con costanza e amore il mio blog, sarà prontissimo a commentare e ad aggiudicarsi i cartacei premio.
Qui, per chi se lo fosse perso, o per chi volesse rileggerlo, il post dedicato al giochino ideato da mio figlio, Vecchio amico.
Vi lascio con la recensione del libro che avete votato, buona lettura.

Eccomi di ritorno dal un lungo viaggio, uno di quelli che si affrontano con una valigia piena di ricordi legati all'infanzia, su una macchina speciale, quella del tempo; sono approdata in un luogo non lontano dalla mia città natale, a Rocca San Casciano, provincia di Forlì, nell'estate del 1967.
Un soffio malinconico mi ha riempito le narici, ho aperto gli occhi, ho messo a fuoco le immagini, oggetti di ogni sorta accatastati e in disuso che hanno mantenuto il fascino di un tempo.
E' una soffitta, ecco dove mi trovo.
In soffitta si conserva di tutto, dai mobili, agli abiti fuori moda, ai libri di scuola, oggetti dai quali non si ha la forza di separarsi definitivamente.
Non è ben illuminata, ma dalla finestrella con la tendina di pizzo filtra luce sufficiente per scorgere la figura di una bimbetta, intenta a rovistare in un cassettone, tra tavolozze, colori a olio, pennelli, matite, lettere ingiallite, segreti celati e la presenza di una zia scomparsa giovanissima in circostanze misteriose, il cui ricordo aleggia in ogni angolo della casa, quel soffio malinconico che impregna ogni pagina.
Quella bimbetta è Silvia Frassienti, ha dieci anni e mezzo, bolognese e borghese di nascita, piccola sognatrice con le idee chiare, la moda, le comodità e i dolci sono le sue priorità, come le estati a casa dell'adorata nonna Mary Frances.
Tra nonna e nipote c'è un legame forte, un amore incondizionato, fiducia e stima.
Le giornate scorrono spensierate nella meravigliosa casa di nonna Mary Frances, tra piccole responsabilità affidate a Silvia, i giochi con la "compagnia del giardino", le merende con le leccornie della Bea, la storica governate inflessibile come un generale.
Ma ci sono persone che hanno l'indole a ficcarsi nei guai e a ricercare situazioni che gli altri disapprovano,  è l'istinto a guidarle, e senza dubbio Silvia è una di quelle, ed è proprio quell'istinto irrefrenabile, che durante la solita pattinata con l'amico Pietro, la spinge a presentarsi al cospetto di Lisa, bellissima, povera, sudicia e trascurata, intenta a disegnare un albero che pare prendere vita e uscire dal foglio.
"La Lisa" non è una qualunque, è la figlia di Tito Bandini, l'ubriacone comunista, sostenitore degli scioperi che sta antipatico a tutti in paese, particolare che si ripercuote anche sulla figlia, tanto da trasformarla nello zimbello dei suoi coetanei, motivo per cui la bambina diventa intrattabile, violenta e offensiva, anche con la povera Silvia, che nonostante sia mossa da nobili intenzioni, subisce la sua arroganza.
Nonna Mary Frances, detta "la signora" vanta il rispetto di tutta Rocca, elegante, raffinata, amante del tempo trascorso tra le mura di casa a leggere, o in giardino sotto un grande cappello di paglia, fermamente convinta che la peculiarità che contraddistingue un essere umano da un altro, sia la reputazione, motivo per cui disprezza Tito e vieta categoricamente alla nipote di avere ancora a che fare con Lisa dopo l'incontro burrascoso...E pensare che a distanza di vent'anni, il famigerato Tito Bandini, esponente del Partito Socialista Italiano, dal giugno del 1985 al maggio del 1990, viene eletto sindaco di Rocca...
Ma Mary Frances, considerando il suo passato, dovrebbe sapere che quando tra due persone "scatta l'alchimia" è impossibile separarle e avrebbe dovuto anche immaginare che con una curiosona che si aggira per casa, i segreti sarebbero stati tali ancora per poco, se a questo aggiungiamo l'arrivo della schietta, originale e un pò invadente zia Maggie, il gioco è fatto e i nodi vengono al pettine.
Simonetta Tassinari, con il suo stile ironicamente raffinato che a tratti mi ha ricordato un'autrice che amo, Loredana Limone, ha tessuto una trama non particolarmente elaborata ma molto piacevole, ricca di particolari che regalano veridicità alla narrazione, le descrizioni dettagliate disegnano nettamente i contorni di luoghi bellissimi, di personaggi esilaranti e teneri ai quali è impossibile non affezionarsi.
E' un piacere ascoltare Silvia, la voce narrante che in età adulta ci racconta la storia della sua famiglia, i Frassineti, e quella di Rocca, un paese democristiano e la sua verità taciuta sulla tragedia avvenuta alle porte degli anni sessanta, quando per le vie del paese passava la Mille Miglia e l'essenziale era salvaguardare le apparenze e la reputazione.
"La casa di tutte le guerre" può essere quella di ognuno di noi, dove sono accaduti gli avvenimenti più importanti di una famiglia: il tuffo nel passato è inevitabile, mi sono ritrovata anch'io bambina, a casa della nonna alle prese con i pattini  a rotelle di mia madre, scatole di vecchie foto, vecchi scritti, cappelli e strambi oggetti dimenticati in un sottoscala; l'enciclopedia della fanciulla che sfogliavo sognando di diventare una teenager, e tutto ciò che risvegliava il mio vivo senso di giustizia, la determinazione e la propensione alla verità, le stesse qualità che ho apprezzato in Silvia, quelle qualità che nell'estate del 1967 l'hanno fatta maturare cambiandole la vita, e non solo la sua.
Si conclude qui la seconda edizione di Vecchio amico, grazie alla quale questo libro ha trovato il suo spazio, si è rivelato una piacevole lettura a lieto fine, divertente e commovente, che consiglio a tutti.

Ringrazio i lettori che hanno partecipato a questa iniziativa, soprattutto quelli affezionati che mi seguono a prescindere dai premi.

Ora tocca a voi e che vinca il ...più veloce!
                                                                                           A presto 

42 commenti:

  1. Eccomi! Mi intriga il rapporto tra nonna e nipote, ma non so se leggerò questo libro: mi pare di capire che non ti ha proprio entusiasmata.
    Buona giornata, Stefi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccola la vincitrice! Il primo premio è tuo!
      Entusiasmata no, da amante della suspense e dei colpi di scena ci vuole ben altro, però il libro è scritto bene, la lettura fa sorridere e riflettere in un certo qual modo e anche commuovere, vale la pena di affrontarla.
      Adesso aspettiamo gli altri due vincitori, complimenti Stè, sono felicissima che i miei cartacei vadano ad una lettrice presente. Smack! In

      Elimina
    2. Evvivaaaaaaa!!!! Felice io!
      Seguo il tuo consiglio e segno anche questo libro tra le prossime letture. Grazieeeeeeeee

      Elimina
    3. Evvivaaaaaaa!!!! Felice io!
      Seguo il tuo consiglio e segno anche questo libro tra le prossime letture. Grazieeeeeeeee

      Elimina
    4. Io invece l'ho letto e l'ho trovato carino! Sono felicissima che abbia vinto la Bacci. Ih ih ih
      Un caro saluto da Lea

      Elimina
    5. Ciao Lea, carino e piacevole si. Se può farti piacere e non possiedo già una copia, sarei felice di donarlo alla biblioteca :-)

      Elimina
    6. Sei gentilissima, ma l'ho appunto acquistato questa estate per i miei utenti. Grazie del pensiero!
      Ciao da Lea

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Siccome non so se è valido con l'account del blo, ricommento...Ciaoooo

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Bello il tuffo nel passato, i ricordi dell'infanzia, il rapporto coi nonni <3 . Bella recensione :)
    Complimenti alla prima che commenta. Bacio grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh la mia dolcissima Fede! Grazie, il secondo premio è tuo!

      Elimina
  6. Bella recensione :) un altro libro che si aggiunge alla mia wishlist!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annalisa, hai vinto il terzo premio, complimenti!

      Elimina
    2. Grazie Cuore! Pensa che me ne sono accorta soltanto adesso...ero convinta di essere arrivata troppo tardi perchè avevo visto già qualche commento sopra XD

      Elimina
  7. Uh come siete mattutine!!! Sembra una lettura carina, ma non mi ha convinta del tutto, se lo trovo in biblioteca però lo prendo sicuramente! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannaggia per un soffio Alenixedda! La biblioteca mi sembra un'ottima idea :-)

      Elimina
    2. Ahah così imparo a poltrire fino a tardi sotto le coperte XD

      Elimina
  8. Buongiorno!hai descritto perfettamente il libro, scorrevole e carino per una lettura piacevole..congratulazioni alle vincitrici!

    RispondiElimina
  9. Sembra una lettura carina, un genere che di solito mi piace, quindi me lo segno per il futuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lo è, una piacevole pausa da letture impegnative :-)

      Elimina
  10. Ciao Cuore, questo libro già in wishlist dall' anno scorso con la tua recensione sono sempre più convinta di doverlo leggere! Amo i tuffi nel passato, i segreti di famiglia e la vita raccontata dagli occhi di una bambina. E' un piacere leggerti!!! Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica mia! Quando ci sentiamo? Manca la tua voce, per me è piacere anche ascoltarti! Questo libro fa per te ne sono certa :-)

      Elimina
  11. Buon pomeriggio! Grazie per essere passata da me, mi ha fatto molto piacere! Amo i libri e non so stare senza! Non conoscevo questo libro, grazie per avermelo fatto conoscere! A presto buona serata! Ah..dimenticavo sono diventata una tua lettrice fissa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Shane, direi che abbiamo decisamente qualcosa in comune :-)
      Benvenuta è un piacere averti a bordo, a presto e buone letture!

      Elimina
  12. Buon pomeriggio!
    Che belli i libri sulle storie di famiglia, sui segreti che vengono svelati e sui ricordi del passato!
    Grazie per questa bella recensione, e... che bella l'idea di tuo figlio, complimenti!

    Se ti interessa, ti ho nominata in un tag sul mio blogghino. E' un tag un po' diverso dal solito, più creativo e personale. Ecco il link: http://evapalumbo.blogspot.it/2016/04/25-fatti-libreschi-su-di-me.html

    A presto.

    RispondiElimina
  13. Arrivo tardi ma felice di aver letto la tua bella recensione che mi ha ricordato questa piacevole lettura ^-^ Baci a te!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato Stefy :-(
      Ci saranno altre occasioni, grazie per avermi letta.

      Elimina
  14. Cuore, il romanzo mi intrigava e continua a farlo dopo la tua attenta recensione! Le storie di famiglia, i segreti, il rapporto nonna e nipote sono il mio pane :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, credo proprio che questa lettura potrebbe piacerti :-)

      Elimina
  15. In ritardo, lo so, molto in ritardo, ma alla fine ce l'ho fatta comunque ad arrivare. Sfortuna volle che cominciassi proprio stamattina a studiare per gli esami, di conseguenza non ho avuto di aprire il PC prima di mezzogiorno.
    Così mi sono detta "Tanto vale rimandare la lettura della recensione di Cuore a un momento più tranquillo, così me la gusto con calma".
    Quindi eccomi qui, finalmente. Recensione come sempre assolutamente magica per un libro dal titolo accattivante ed eloquente. Anche se non credo che lo leggerò, è stato bellissimo assaporarlo grazie alle tue parole evocative.
    Un bacio, Cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io come te aspetto sempre il momento tranquillo della giornata per leggere una recensione, mi rilassa, motivo in più se sei presa a preparare un esame.

      Elimina
  16. Anche se con un pò di ritardo, eccomi qua :)
    Ti posso dire che tramite le tue parole mi sono lasciata trasportare dai ricordi del passato e dell'infanzia pure io.. Questo conferma la tua bravura nel descrivere se le sensazioni che provi leggendo un libro ❤ Mi è sembrata una storia molto carina e a tratti intrigante con uno sfondo storico importante.. Da leggere sicuramente ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si ti potrebbe piacere, certo non è struggente come piace a noi, ma una pausa piacevole ogni tanto non guasta :-)

      Elimina
  17. Avevo il sospetto che ti sarebbe piaciuto, e mi fa piacere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai indovinato :-) una lettura carina e rilassante.

      Elimina
  18. ciao
    in ritardo arrivo, bella recensione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops siamo due ritardatarie, grazie! :-P

      Elimina
  19. Ciao!! Ho trascurato un pochino i post del tuo blog, ma ora che ho l'occasione di passare di qua, noto che sono cambiate molte cose...
    è davvero stupendo! Questa grafica è molto molto bella!!

    Di questo libro aspettavo giusto una recensione, e la tua mi è piaciuta!
    ora sono molto propensa a leggerlo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bentornata Erin e grazie, devo tutto a Denise, lei è una grafica bravissima e professionale :-)
      Il libro è davvero carino, belle atmosfere per una storia delicata, te lo consiglio caldamente :-)

      Elimina