lunedì 25 luglio 2016

Recensione #62 "Danzerò con te" di A. L. Bondoux e J.C. Mourlevant *Longanesi*

Danzerò con te - A.L. Bondoux e J.C. Mourlevant
Longanesi - 30 giugno 2016
Pagine 304 - 16.40 €
Sinossi qui
Gli autori: Anne-Laure Bondoux vive nella provincia di Parigi. Dopo gli studi letterari, ha lavorato in una casa editrice come redattrice, impiego che ha poi lasciato per dedicarsi a tempo pieno alla scrittura. Ha pubblicato numerosi romanzi per ragazzi tradotti in diversi Paesi. Con Le lacrime dell’assassino ha vinto il Premio Andersen e il Super Andersen.
Jean-Claude Mourlevat è nato nel 1952 ad Ambert, in Francia. Dopo aver insegnato tedesco per alcuni anni, si è dedicato al teatro e alla scrittura. I suoi romanzi, fra cui La battaglia d’inverno e Il bambino oceano, entrambi vincitori del Prix Sorcières, assegnato ogni anno dalle librerie indipendenti francesi per ragazzi, sono tradotti in tutto il mondo.

Buongiorno lettori e buon inizio di settimana. 
Per me è il primo giorno di un lungo periodo di vacanze che durerà ben cinque settimane, nel quale il blog resterà attivo quando sarò a casa, ma "chiuderà per ferie" durante tutto il mio soggiorno campano.
La partenza è imminente e i prossimi quattro giorni li passerò a programmare il recap in cui troverete le date precise della chiusura, l'itineario che mi porterà in Costiera Amalfitana, mi documenterò sui tredici comuni che ne fanno parte e ovviamente sceglierò le letture che viaggeranno con me.
Potete immaginare, adrenalina alle stelle ed eccitazione pre-partenza che tolgono il sonno.
Ma veniamo alla recensione di oggi.
Il libro che vi presento, Danzerò con te,  è un omaggio ricevuto dalla casa editrice Longanesi che ringrazio per la copia, ed è un romanzo epistolare che ha saputo, già dalle prime battute, dissipare i dubbi iniziali che mi accompagnano sempre quando mi appresto a leggere libri di questo genere, sorprendendomi positivamente e regalandomi piacevoli ore di relax e coinvolgimento emotivo.

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

Pierre-Marie Sotto è un affermato scrittore che vanta una serie di romanzi molto amati e un premio Goncourt in carriera, che nella solitudine della sua grande casa combatte con un malinconico blocco letterario, causato da una misteriosa scomparsa, una persona che andandosene si è portata via l'ispirazione; lo so che siete curiosi,  ma lascerò che sia proprio lui a mettervi al corrente dei fatti che riguardano questa persona, io vi parlerò invece di come nasce una singolare corrispondenza tra perfetti sconosciuti.
Una voluminosa busta viene recapitata a casa di Pierre che non essendo avvezzo a rispondere ai suoi lettori e credendo di avere tra le mani un manoscritto da esaminare, si premura immediatamente di scrivere all'indirizzo email appuntato sul dorso dell'involucro.
Il mittente della busta è Adeline Parmelan, che risponde al rifiuto di Pierre di aprirla e alla sua volontà di rispedirla quanto prima, affermando di non essere una lettrice come le altre, bensì una lettrice speciale e stuzzica la curiosità dell'autore descrivendo il contenuto della busta come decisamente interessante e molto lontano da ciò che lui pensa essere.
La busta giace chiusa su di uno scaffale dello studio di Pierre, mentre lui e Adeline intraprendono una

"relazione" epistolare virtuale, da subito distaccata e riservata, ma che email dopo email si trasforma in un rapporto intimo fatto di confidenze profonde, molto personali, momenti condivisi che abbattono quel muro invisibile che è il "virtuale", nulla di più vicino a quello che succede a noi blogger, piccole anime che oltrepassano lo schermo e che tramutano le parole scritte nel suono di una voce che da quel momento in poi diventerà una costante nella nostra quotidianità.

Diametralmente opposti in tutto, nulla sembra accomunarli, se non l'affinità nella comunicazione scritta, Pierre e Adeline riempiono le pagine di questo romanzo che è costituito interamente da email, con un rapporto colorato da mille sfumature e sfaccettature, si sorride e ci si commuove, si entra a far parte delle loro vite come ospiti desiderati che con le mani sulle spalle, ora di lui poi di lei, seguono attenti le dita veloci che battono sulla tastiera e assistono alla nascita di un'amicizia sincera e al dissiparsi del misterioso legame che va oltre le apparenze, che gli autori sono stati davvero bravi a tenere sottochiave fino al momento propizio.
Qualcosa che li accomuna c'è, un avvenimento che ha costretto Pierre e Adeline alla solitudine, che ha fermato il tempo imprigionandoli nell'incertezza, rendendoli tristi e privandoli di ogni progetto futuro; brancolano nel buio con una miriade di domande senza risposte, senza riuscire a rassegnarsi e a liberarsi da quell'angoscia che prende alla bocca dello stomaco e che evapora solo con la verità.
La lettura scorre piacevolmente, la trama è poco complessa ma arricchita da personaggi adorabili, ognuno dei quali ricopre un ruolo fondamentale, lo stile delle email è godibile e nonostante la malinconia che permea l'intera narrazione, il brio e la freschezza non mancano, la curiosità alla quale mi sono aggrappata riguardo al  misterioso contenuto della busta mi ha accompagnata per buona parte della lettura, sostituendosi poi all'inattesa scoperta che lega profondamente i due protagonisti, che con la risoluzione dell'enigma e l'amicizia possono finalmente liberarsi dalla prigionia che li ha bloccati per troppo tempo in un'involontaria situazione di stallo.
Una lettura decisamente consigliata per il periodo estivo, senza troppe pretese, capace di accarezzare il lettore con dolcezza e sensibilità, che dosa bene ilarità e malinconia, perfetto per l'era del virtuale.

Un romanzo epistolare,
con sfumature che ricordano la vera corrispondenza, 
quella per lettera.
Un segreto gelosamente custodito.
Personaggi amabili e curiosi.
Un romanzo che sa sorprendere.

Lettori, qual'è la vostra opinione riguardo ai romanzi epistolari? 
Cosa vi dice l'istinto, passando davanti alla vetrina di una libreria deciderete di farlo vostro?
O chissà, magari è già tra i prescelti che vi accompagneranno in viaggio o semplicemente in una giornata di sole all'aria aperta. Lasciate il vostro pensiero, vi leggerò con piacere, a presto,




20 commenti:

  1. non sono una grande fan dei romanzi epistolari ma qualcuno ne ho letto e ti dirò mi è anche piaciuto!
    questa sembra interessante, me lo segno per il futuro chissà.

    cara mia mi sa che rischiamo di incontrarci questa estate :) anche io come te soggiorno campano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai!!! Sentiamoci in privato e chissà magari riusciamo ad incontrarci!

      Elimina
  2. Mi ispira moltissimo!
    E sì, posso dirmi un fan dei romanzi epistolari - tra Noi siamo infinito, Noi siamo grandi come la vita e Le ho mai raccontato del vento del nord. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai amato il romanzo di Glattauer questo ti piacerà, io l'ho apprezzato molto di più :-)

      Elimina
  3. Ciao Cuore!
    Io con i romanzi epistolari ho un pessimo rapporto. Questo sembra diverso e piacevole, ma credo passerò comunque.
    Buona vacanza!
    Stefi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stè, passa pure non vorrei procurarti una delusione!

      Elimina
  4. Ciao Cuore...beh intanto una cosa fondamentale: buone vacanze!!!
    ERo incuriosita da questo libro, l'avevo messa in wish list ma non sapevo se lanciarmi nell'acquisto oppure no. NOn ho praticamente mai letto romanzi epistolari, potrei cominciare da questo. Mi sembra leggero quanto basta, ma leggero nel senso migliore del termine, ergo: piacevole senza essere troppo impegnativo. Ci riflettero ancora un po!
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola! Rifletti pure, ognuno ha le sue priorità, tanto non scade, avrai tutto il tempo per leggerlo!

      Elimina
  5. Ciao Cuore,
    ti invidio moltissimo le cinque settimane di vacanza, anche se a dire il vero la volta che ne ho fatte tre... quando sono tornata avevo scordato tutte le password e ho trascorso una giornata di profonda infelicità. Comunque non pensiamo al rientro, pensiamo alla vacanza giusto???
    Questo libro lo avevo segnato grazie alla recensione di Anna giovane reader e ora il tuo giudizio positivo mi rende ancor più curiosa. Il libro è già sul mio comodino! Di solito non amo i romanzi epistolari eppure La società letteraria di Guernsey è uno dei miei libri del cuore. Quindi avanti tutta con la lettura.
    un caro saluto da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiii vacanze!!!!! Dio che incubo dimenticare le password...Petta va che me le segno tutte va ;-)
      Nemmeno io ho un buon rapporto con gli epistolari, ma questo, accidenti è davvero piacevole, lo apprezzerai me lo sento :-)

      Elimina
  6. Cuore, sono davvero felice che questo romanzo ti abbia colpito e che anche il mio consiglio sia andato a buon fine :) Nelle tue parole ritrovo tutta la sensibilità e la dolcezza che questo romanzo porta con sé tanto da aggiudicarsi un posto speciale nel cuore del lettore! Dovrò recuperare copia cartacea per riporlo sullo scaffale dei preferiti :) bacio e buona vacanza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io lo vorrei tanto cartaceo! Grazie ancora per il consiglio :-)

      Elimina
  7. Ciao cuore e buone ferieeee! Io devo ancora attendere due settimane ma sto già facendo il conto alla rovescia! XD non vedo l'ora di leggere della tua vacanza e delle letture che ti accompagneranno ^_^ e per quanto a questa recensione... Wow si sentono palpabili tutti i sentimenti e le emozioni che ti ha regalato questa lettura, adoro gli epistolari me lo segno subito! ❤️❤️

    RispondiElimina
  8. Ciao Cuore, sai che leggerò presto questo libro. Mi sono innamorata dei romanzi epistolari leggendo Le ho mai raccontato del vento del nord e in libreria ho che mi attende da tempo anche Novemila giorni e una sola notte, sempre sullo stesso stile. La tua recensione è chiara sul tipo di romanzo da aspettarsi, mi da che non rimarrò delusa.

    RispondiElimina
  9. Mi sono conservata la lettura della tua recensione per il momento prima andare a letto. E ho fatto bene.
    Sei stata bravissima a raccontare tutto senza svelare nulla. Avevo già adocchiato questo libro dopo aver sentito il parere positivo di Anna Rita, adesso sono più che mai convinta. Anche perché spesso i romanzi epistolari si rivelano a dir poco sorprendenti.
    L'unico che ho letto in realtà è "Storia di una capinera", amato con tutto il cuore anche se mi ha fatto soffrire. Però c'è da dire che con Verga vado sempre sul sicuro.

    Goditi le vacanze e le letture estive: te le meriti proprio!

    RispondiElimina
  10. Hai iniziato a fare il conto alla rovescia? Dai ora manca veramente poco e poi sono sicura che la mia Terra lascerà un segno indelebile nel tuo cuore. Ma ora veniamo alla recensione...romanzo epistolare, di solito fuggo da questo genere per timore di non entrare in empatia coi personaggi e trovarvi davanti una storia "sterile". Dalle tue parole vedo che probabilmente mi sbaglio, quindi lo segno in wishlist e poi vedremo!!! Notte cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiii il conto è partito da un pò! Non ho dubbi che amerò la tua terra :-)

      Elimina
  11. Buone vacanze, Cuore! Anche a me non dispacciono i romanzi epistolari, dunque lo metto in wishlist ;)

    RispondiElimina