martedì 2 febbraio 2016

Le mie recensioni #38 "Non chiedermi come sei nata" e "L'amore è una favola" di Annarita Briganti

Buona sera Cuor di lettori, mi accingo a condividere con voi la mia prima recensione doppia, perchè le letture di cui vi parlo oggi sono due libri legati a doppio filo, impossibili da scindere per me, uniti da un unico filo conduttore, Gioia Lieve,  e sono qualcosa di meraviglioso.

Titoli: Non chiedermi come sei nata ♥ L'amore è una favola / Autrice: Annarita Briganti
Casa Editrice: Cairo / Data di Pubblicazione: 2014-2015 / Pagine: 197-186 / Prezzo: 13€

                                      

"L'amore è un castello di sabbia. Basta un'onda per spazzarlo via, ma noi possiamo, dobbiamo, indurire la polvere con cui è costruito, impegnarci per dargli delle fondamenta solide e stabili, difenderlo a tutti i costi dal mondo esterno. Dobbiamo aggrapparci ai sogni come naufraghi in mare aperto, quali un pò siamo, quando c'innamoriamo di qualcuno. I sogni sono la materia di cui siamo fatti rappresentano il nostro baluardo contro il cinismo sentimentale."
Per leggere Annarita Briganti bisogna essere pronti ad affrontare due romanzi con le palle.
Due romanzi che racchiudono opinioni schiette e prese di posizione, un atteggiamento ammirevole in un paese che non vuole progredire, che ci costringe a soffrire per avere un figlio, ci nega il diritto di averlo, che ci costringe a rifugiarci all'estero per trovare comprensione e possibilità, dove la famiglia vera è solo quella "della Barilla", dove di cultura non si vive, dove le adozioni sono difficoltose e lunghissime, dove lo stepchild adoption e la maternità surrogata sono tabù.
E il grido di protesta urlato da Annarita Briganti sa di coraggio, sa di giustizia, di cambiamento necessario, di speranza, è la voce di una donna arrabbiata contro le limitazioni sbagliate imposte da chi non dovrebbe permettersi di farlo, una donna che vuole diventare madre, è suo diritto, ma non può.
Gioia Lieve...tra noi è stato subito amore, dentro di me è cresciuto un attaccamento viscerale verso di lei, con la quale condivido esperienze di vita, passioni, opinioni e pensieri.
Non molla mai Gioia, soffre ma lotta, si aggrappa alla vita: lo fa quando il salario da giornalista freelence non basta, quando perde un bambino che non sapeva di aspettare, quando tenta disperatamente di averne uno mettendo a dura prova anima e corpo, quando si innamora di uomini che non la meritano e la lasciano, perchè Gioia ama l'amore, ci crede, ci spera.
Riflette, fa un'autoanalisi, conosce sè stessa però si perde, la vita la pone davanti ad una dura realtà, vuole ritrovarsi e cerca, scava disperatamente finchè cambia la prospettiva e tutto è più chiaro, quella Gioia non tornerà più, ma può ambire ad una nuova versione di sè, una donna innamorata dell'amore che ama anche sè stessa.
La narrazione in prima persona è perfetta, rende tutto ancor più vero, sentito, è stato come camminarle accanto, siamo entrate in contatto noi due, e lei si messa a nudo davanti ai miei occhi, pelle contro pelle, ed è bellissimo abbassare le palpebre e sentirla viva dentro, mi ha permesso di leggerle l'anima e di frugare nella mia. Come non adorarla? 
Annarita Briganti si è fatta spazio tra le mie autrici del cuore, collocandosi tra la profonda inquietudine di Margaret Mazzantini e la penna graffiante di Valentina D'Urbano, il suo stile è lucido e consapevole, deciso, realista senza mai dimenticare la sensibilità con la quale vanno trattati temi così forti e importanti.
"Ci sono uomini e donne a cui ho rubato pezzi di vita, compresa la mia vita. Se vi riconoscete in questo libro, vuol dire che vi voglio bene."
Ripenso alla storia che mi lascio alle spalle e ritrovo tanto anche di me tra quelle pagine...un'unica voce per un' infintà di anime, di vite a metà, di desideri e speranze, Annarita è l'eco d'inchiostro indelebile sulla carta, e rieccheggia...
"Tutto è possibile, finchè siamo vivi e magari l'Italia diventerà un paese civile, dove single o coppie, etero o gay, potranno fare figli e adottare senza impazzire e senza finire sotto un ponte per i costi scandalosi di quello che si chiama "progresso". "
Non so se ho saputo esprimermi al meglio, colpirvi e convincervi, spero solo che i romanzi di quest'autrice entrino nelle vostre librerie e facciano breccia dentro di voi, sarebbe un inizio, un importante passo verso una nuova visione delle cose, più giusta e rispettosa della vita e del pensiero degli altri, perchè lasciando aperte le braccia e il cuore, la felicità arriva, per tutti.

Batticuore

Dillo con un fiore: Protea - Coraggio
"Per tutte le violenze consumate su di Lei, per tutte le umiliazioni che ha subito, per il suo corpo che avete sfruttato ,per la sua intelligenza che avete calpestato, per l’ignoranza in cui l’avete lasciata, per la libertà che le avete negato, per la bocca che le avete tappato, per le ali che le avete tagliato, per tutto questo: in piedi, Signori, davanti ad una Donna." William Shakespeare

E' tardi, è ora di leggere, amare o dormire, è ora della libertà...buona notte ♥

20 commenti:

  1. Ho scoperto per caso quest'autrice (se non ricordo male su instagram) e mi incuriosisce molto! Dopo la tua recensione non posso non mettere i due romanzi in WL!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fallo Sara, tutti nessuno escluso dovrebbe ascoltare la voce di Annarita!

      Elimina
  2. da ciò che hai scritto traspare l'emozione che Annarita ha saputo trasmetterti...come sai anch'io li ho amati tanto e non posso che unirmi al tuo consiglio ♥ anche a te Gioia manca già? *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi manca così tanto da decidere di portarla con me a tempo indeterminato...

      Elimina
    2. mi ha fatto lo stesso effetto T__T

      Elimina
    3. <3 condivisione di emozioni

      Elimina
  3. Ultimamente sto sentendo parlare tanto dei romanzi di Annarita Briganti, se ne parla sempre associandoli ad emozioni forti e racconti schietti. Li leggerò sicuramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nunzia, sono sicura che ritroverai anche un po' di te, aspetto il tuo parere.

      Elimina
  4. Queste sono le storie che mi piacciono! Lo appunto in wishlist e spero di recuperare entrambi quanti prima ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale anche per me, mi innamoro di questo libri così veri e Annarita è fantastica nella prosa. Se li leggerai ne sarò felicissima!

      Elimina
  5. Ero molto curiosa di leggere il tuo parere su questi libri, di cui avevo già sentito parlare e mi ispirano tantissimo.. Sono sicura che è proprio il genere di storia che mi fa innamorare di un'autrice e dei personaggi.. Sicuramente tra le mie prossime letture ;)

    RispondiElimina
  6. Ciao Cuore aspettavo questa recensione troppo curiosa di leggere le tue parole su un argomento molto delicato! Sicuramente leggerò i libri di Annalisa Brigante mi intricavano già prima ma ora le tue parole mi hanno conquistata! Buona serata amica!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao Cuore aspettavo questa recensione troppo curiosa di leggere le tue parole su un argomento molto delicato! Sicuramente leggerò i libri di Annalisa Brigante mi intricavano già prima ma ora le tue parole mi hanno conquistata! Buona serata amica!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa <3
      Con la tua sensibilità e determinazione, amerai quest'autrice, a prescindere dalle tue idee sull' argomento. Aspetto con ansia di sapere che ne pensi. Buona notte

      Elimina
  8. sembrano due libri davvero belli da non ignorare!
    non conoscevo quest'autrice
    ciao!! ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ignorare vorrebbe dire non rispettare punti di vista diversi dai nostri.

      Elimina
  9. Non la conoscevo quest'autrice :) Penso dovrò dargli un'occasione :)
    Complimenti per la grafica, Cuore! E' davvero molto bella :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e ancora brava Denise! Sono certa che Gioia ti conquisterebbe Gresi...

      Elimina